ITIL, SRE, DevOps: quali sono le differenze e quali i punti in comune?

Data : 30/06/2020| Categoria: FAQ|

Recentemente avrai sicuramente sentito parlare di SRE (site reliability engineering). Ma quali sono le differenze e i punti in comune tra ITIL 4, SRE e DevOps?

Innanzitutto, tutti e tre i framework o best practice possono aggiungere valore alla tua value chain IT. Rispondono all’esigenza dei leader IT di poter creare e supportare team ad elevate prestazioni, che possano garantire ed accelerare la strategia digitale della loro azienda.

I 3 framework condividono alcuni punti chiave:

  • Cultura: introducono tutti una cultura di collaborazione e condivisione
  • Valore: le tre best practice aumentano il focus sulla creazione di valore garantendo velocità e qualità per gli stakeholder
  • Automazione: l’automazione viene utilizzata per ridurre sprechi ed errori umani.

Secondo la ricerca del 2019 “Upskilling DevOps” del DevOps Institute, il 66% degli intervistati adotta DevOps, il 47% applica ITIL come framework best-practice e il 10% utilizza pratiche SRE. E molti dei team intervistati hanno dichiarato di utilizzare tutte e tre.

ITIL 4, SRE, e DevOps

ITIL 4 è l’ultima evoluzione del framework di service management di Axelos. Ha introdotto un nuovo Sistema del Valore del Servizio (SVS), supportato da 7 principi guida. Il framework è ora più in linea con DevOps e agile, grazie all’introduzione di alcune pratiche DevOps come gli stream di valore e il continuous delivery.

Tutti i membri di un’organizzazione IT sono coinvolti e lavorano insieme per facilitare la creazione di valore attraverso i servizi IT. Le componenti chiave del framework ITIL 4 sono costruite partendo dalla catena di valore del servizio, che, partendo da una domanda o opportunità, permette la creazione di valore attraverso i principi guida, la governance, le pratiche ed il miglioramento continuo.

Focus:

  • funzionalità del servizio
  • requisiti non-funzionali di disponibilità, performance, sicurezza e manutenibilità.

Obiettivo: enfatizzare qualità e consistenza del servizio e mirare ad una migliore soddisfazione degli stakeholder grazie alla creazione di valore per gli stakeholder.

Site reliability engineering (SRE) è l’approccio di Google alla gestione del servizio, introdotto tramite un omonimo manuale.

SRE è un insieme di pratiche post-produzione per creare grandi sistemi operativi in scala, con un focus sulle operazioni dal punto di vista ingegneristico. Ha introdotto il ruolo di team SRE, che è un ruolo ben definito all’interno delle organizzazioni. I membri del team sono ingegneri software che svolgono funzioni operative al posto di un team operation dedicato.

L’affidabilità dei sistemi di produzione e, di conseguenza, gli utenti sono supportati da un ingegnere che applica i principi SRE per gestire la disponibilità, latenza, performance, efficienza, change management, monitoraggio, risposta alle emergenze e capacità di produzione.

Focus: requisiti non-funzionali di disponibilità, performance, sicurezza e manutenibilità.

Obiettivo: enfatizzare lo sviluppo di sistemi e software che accrescano affidabilità e performance delle applicazioni e dei servizi. I professionisti SRE hanno anche responsabilità su chiamata, cioè devono essere disponibili per poter fornire un servizio o supporto.

DevOps è la creazione di team multidisciplinari di Dev e Ops in sostituzione a silos di Development e Operation che lavorano insieme grazie a pratiche e strumenti condivisi ed efficienti.

I membri chiave del team DevOps sono professionisti di sviluppo, operation e security team che lavorano insieme sul ciclo di vita del software per migliorare la qualità del software e la velocità di sviluppo e consegna. L’obiettivo è di migliorare l’esperienza del cliente. DevOps è allineato con i principi lean e Agile.

Focus: velocità e qualità dei requisiti funzionali (funzioni dell’applicazione, ecc.) e non-funzionali di disponibilità, performance, sicurezza e manutenibilità.

Obiettivo: ottenere una qualità maggiore riuscendo allo stesso tempo a garantire un’adeguata velocity del software e dei servizi da erogare.

Quali sono i punti in comune tra ITIL 4, SRE e DevOps?

  • Tutte e tre le metodologie incoraggiano la collaborazione tra diversi stakeholder IT e con il business e/o product owner.
  • Tutte e tre affrontano la tematica chiave del change management. ITIL 4 utilizza la governance di change management, SRE il concetto di “error budget” (che permette al team SRE di effettuare cambiamenti fino ad uno specifico limite di error budget speso). I team DevOps gestiscono continuamente cambiamenti, che sono solitamente progressivi.
  • Sono supportati da una vasta gamma di strumenti di automazione. Alcuni strumenti sono incentrati su DevOps, altri automatizzano processi chiave. Il panorama degli strumenti di automazione è complesso e in continua evoluzione.
  • Danno tutti e tre importanza all’apprendimento continuo e alla sperimentazione. Le competenze per ogni metodologia possono differire ma sostanzialmente tutte richiedono una combinazione di competenze di automazione e processo, soft skill e competenze funzionali, competenze di business e tecniche.

Quali sono le differenze tra ITIL 4, SRE e DevOps?

Le differenze più importanti sono:

  • Topologia del Team:

ITIL 4 non richiede ai membri del team di essere in unico team.

SRE è un ruolo ben definito con un nome specifico.

I tipi di DevOps team possono variare, ma i team DevOps più efficaci sono composti da un team unico con stessi obiettivi e metriche. Il modello di governance viene quasi sempre stabilito tramite auto-organizzazione.

  • Metriche:

ITIL 4 -> rispettare gli obiettivi di livello del servizio.

SRE -> affidabilità delle applicazioni e dei servizi, con focus sugli obiettivi di livello del servizio e indicatori di livello del servizio.

DevOps -> frequenza di rilascio e tempo di ripristino.

  • Certificazioni:

Il framework ITIL fornisce una solida governance per ottimizzare e migliorare la gestione dei servizi IT di medie e grandi organizzazioni. Le certificazioni sono disponibili al livello foundation, managing professional, strategic leader e master.

I corsi per apprendere SRE sono disponibili tramite Google e altri fornitori.

Le certificazioni DevOps sono disponibili a livello foundation/fundamentals e livelli aggiuntivi.

Quando utilizzare ITIL 4, SRE e DevOps?

Puoi utilizzare ITIL 4 in ogni momento, non sono necessari prerequisiti o conoscenza delle versioni precedenti di ITIL. ITIL 4 ha introdotto best practice e un linguaggio comune per migliorare la soddisfazione del cliente, la disponibilità del servizio e l’efficienza delle risorse finanziarie. ITIL 4 si focalizza anche sulle organizzazioni e sulle risorse, sulla tecnologia, sui partner e i fornitori e su flussi di valore e processi.

SRE può essere applicato attraverso l’introduzione del ruolo di “SRE engineer” come membro formale del team, all’interno di un team DevOps o un team di Service Management. SRE può essere adottato anche da organizzazioni che non conoscono ITIL 4 o DevOps. SRE è un’ottima soluzione nei casi in cui l’affidabilità sia uno degli obiettivi dichiarati dall’organizzazione e il sistema sta attraversando una crescita di utenti, complessità e/o numero di elementi di configurazione. Uno dei benefici chiave di SRE è la creazione di strumenti self-service e script di automazione per affrontare l’affidabilità e performance di applicazioni e servizi che eliminano il lavoro manuale.

L’adozione di DevOps può avvenire in qualsiasi momento. Fattori trigger possono essere le richieste di un aumento della velocità di consegna e qualità del software, prodotto e/o servizi per gli stakeholder. Alcuni dei benefici sono la trasformazione culturale, una migliore velocità e qualità dello sviluppo e consegna del software. DevOps ha le sue radici nello sviluppo Agile del software e nelle tecniche di service management e incoraggia l’utilizzo dell’automazione per ridurre il lavoro manuale di risorse con competenze; queste risorse possono in questo modo dedicarsi ad attività a maggiore valore aggiunto. Tutti i membri dei team DevOps lavorano per ottenere software affidabili, manutenibili e funzionali.

Conclusioni:

Tutte e tre le metodologie possono co-esistere per allineare i team, rispondere alle esigenze degli stakeholder e accrescere il valore realizzato. Non importa quale framework tu scelga, dovrai comunque focalizzarti su:

1) Avere una visione ed un obiettivo comune

2) Promuovere una cultura di condivisione

3) Prendere decisioni e renderle visibili

4) Definire metriche e misure prima di iniziare, continuando a dimostrare il valore del tuo lavoro ai tuoi stakeholder.

Infine, la trasformazione digitale non si ottiene repentinamente in tutta l’organizzazione, le organizzazioni dovrebbero implementare best practice e metodologie che rispondono alle loro esigenze ma iniziando piano, su piccola scala, imparando, sviluppando le competenze e infine applicandole su larga scala.

Source: Stop the Arguments: ITIL v4 and SRE and DevOps All Are Transformation Aids by Eveline Oehrlich, DevOps Institute

© 2019 DevOps Institute. All Rights Reserved.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di QRP International per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.

QRP International userà le informazioni che scriverai nel form per restare in contatto con te. Vorremmo continuare ad aggiornarti con le nostre ultime news e con contenuti esclusivi pensati per supportarti nel tuo ruolo. Scegli una (o entrambe!) le seguenti tematiche:

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando il link "unsubscribe" dal footer di una delle email che riceverai da noi o scrivendoci a marketing@qrpinternational.com. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle nostre privacy policy puoi visitare il nostro sito web. Cliccando in basso, accetti che potremo utilizzare le tue informazioni in conformità con questi Termini & Condizioni.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.