Cerchi aiuto? (+39) 031.81.10.714
Seleziona il tuo Paese e la tua lingua
Cerchi aiuto? (+39) 031.81.10.714
Seleziona il tuo Paese e la tua lingua
Home/News
News

News

Scopri le ultime interessanti novità e informazioni sul mondo dell'information technology e del project management.

Data : 01/02/2021
La quinta edizione di MSP (Managing Successful Programmes) è un framework riconosciuto a livello internazionale ed una comprovata best practice di programme management, ed è stato ideato per allineare programmi e progetti alla strategia aziendale. MSP permette all’organizzazione di focalizzarsi sulla realizzazione di risultati e benefici, riducendo al minimo i rischi e coinvolgendo attivamente gli stakeholder.

La necessità di un aggiornamento

La quarta edizione della guida MSP risaliva ormai al 2011 e nel corso di questi anni si sono verificati molti cambiamenti che hanno reso necessario l’aggiornamento del framework. La nuova edizione tiene in considerazione sia tutti i cambiamenti avvenuti nel programme e project management sia la necessità di migliorare le possibilità di successo dei programmi. Axelos ha condotto una ricerca che ha rivelato una concezione tendenzialmente sbagliata su cosa sia il Programme Management (e di conseguenza MSP): molti degli intervistati, tra cui anche professionisti del settore, pensano che il Programme Management sia semplicemente una versione più complessa del Project Management. La nuova edizione di MSP mira anche a chiarire le differenze tra Programme Management e Project Management offrendo una guida chiara e strutturata a tutti i professionisti.

Principi, tematiche e processi

Il framework MSP è formato da un insieme di principi, tematiche e processi che forniscono un percorso chiaro e completo per gestire il ciclo di vita di programmi di qualsiasi dimensione e complessità. MSP Framework Integrato Fonte: webinar “OVERVIEW MSP 5th EDITION” - Axelos 2020 Principi Sono gli elementi che definiscono il successo o meno di un programma. Sebbene i principi rimangono concetti universali, auto-validanti e “empowering”, sono stati rivisti in modo tale da garantire la loro efficacia e validità nel contesto presente. Tutti i principi sono fondamentali per comprendere come guidare un programma utilizzando MSP e rafforzare le aree fondamentali per il successo di un progetto. Tematiche Le tematiche di governance consentono alle organizzazioni di stabilire la giusta leadership, struttura e controllo. Le tematiche sono state ridotte a 7 (nella quarta edizione erano 9) e sono tutte identificate con una singola parola in modo da aiutare a chiarire in modo più veloce e immediato lo scopo e il contributo di ogni tematica, come è già stato fatto con PRINCE2. Per ogni tematica viene poi analizzato il loro ruolo all’interno del programma e la relazione con le altre tematiche e con la strategia e la struttura del programma. Ogni capitolo analizza inoltre le relazioni chiave con i principi MSP e fornisce una guida pratica su ruoli, responsabilità e informazioni fondamentali per il corretto utilizzo di ogni tematica. Processi Forniscono un percorso attraverso il ciclo di vita di un programma per raggiungere i risultati desiderati e migliorare le competenze. I processi devono essere utilizzati per prendere decisioni che devono essere chiare e comprensibili a tutti i membri del team.

L’approccio all’innovazione

Dopo diversi anni senza essere stata aggiornata, la nuova guida MSP è stata completamente riscritta mettendo in discussione gli elementi della quarta edizione. Ogni singolo aspetto è stato rivisto e aggiornato per essere in linea con il contesto odierno. La nuova guida sarà un supporto sia per i Programme Manager che per altre figure chiave all’interno di diverse organizzazioni e aiuterà i professionisti a progettare, pianificare, guidare e consegnare programmi di successo.

I benefici del metodo MSP 5th edition

  • Permette di allineare progetti e programmi alla strategia aziendale
  • Fornisce un approccio strutturato alla gestione dei benefici favorendo il cambiamento organizzativo
  • Assicura un’adeguata ripartizione di responsabilità
  • Facilita l’agilità all’interno dell’organizzazione
  • Aiuta a comprendere i rischi associati ad un programma
  • È una comprovata best practice per la realizzazione del cambiamento organizzativo attraverso l’applicazione del Programme Management.

Formazioni e certificazioni MSP

Lo schema di certificazione MSP è formato da due livelli, Foundation e Practitioner. QRP International propone entrambe le certificazioni: MSP Foundation MSP Practitioner Vuoi ottenere una certificazione MSP? Contatta il nostro team al numero di telefono +39 031 8110714 o scrivi a italy@qrpinternational.com per saperne di più sulle nostre formazioni in aula, virtual e aziendali!
Continua a leggere
Data : 28/01/2021
Axelos ha recentemente annunciato che dato il successo del lancio di ITIL® 4, la formazione ITIL v3 verrà gradualmente dismessa. Tempistiche della dismissione Axelos ha organizzato la dismissione dei diversi moduli di ITIL v3 secondo un calendario progressivo. Verrà dato il tempo ad ogni candidato/a di completare la propria certificazione nei vari livelli Intermediate della versione ITIL v3 in modo tale da poter raggiungere i crediti necessari per accedere all’esame ITIL Managing Professional Transition. Le scadenze confermate sono le seguenti:
  • ITIL v3 Foundation (Inglese) non sarà più disponibile dal 1 luglio 2021
  • I moduli ITIL v3 Intermediate (Inglese) non sarà più disponibile dal 22 gennaio 2022
  • Esame ITIL 4 Managing Professional Transition (Inglese) non saranno più disponibili dal 1 luglio 2022
  • Tutte le versioni tradotte dei moduli ITIL v3 sono ancora valide fino a comunicazione di Axelos, e comunque non prima del lancio delle traduzioni della versione 4.
ITIL v3 VS ITIL 4 ITIL 4 si basa su pratiche di gestione dei servizi IT consolidate e si estende fino al più ampio ambito della customer experience, del flusso di valore e della trasformazione digitale, fino a comprendere nuovi modi di lavorare, come Lean, Agile e DevOps.
  • ITIL 4 ha sempre un approccio modulare ed è composto da livelli fondati su diversi aspetti della best practice ITIL
  • I livelli Practitioner, Intermediate (ITIL® Service Lifecycle e ITIL® Service Capability) e ITIL® Managing Across Lifecycle sono stati sostituiti da nuovi moduli semplificati
  • Non esiste più il livello ITIL Expert
Itil v3 VS ITIL 4 Cosa deve fare chi è certificato ITIL v3 Il percorso che deve intraprendere chi ha già conseguito delle certificazioni dei moduli ITIL v3 dipende dal numero di crediti raggiunti. In particolare, per chi avesse conseguito la certificazione per il modulo ITIL v3 Foundation (quindi 2 crediti) è consigliabile ottenere la certificazione Foundation per la versione ITIL 4. Le altre casistiche si dividono in questo modo:
  • ITIL v3 Foundation + ITIL Intermediate e/o Practitioner (fino a 6 crediti)
  • ITIL v3 Intermediate/Practitioner (+ di 6 crediti)
  • ITIL v3 Expert
Se rientri in una di queste tre situazioni, puoi leggere il nostro articolo Da ITIL v3 a ITIL 4: consigli per certificati ITIL v3 in cui abbiamo analizzato questi tre casi e le possibili opzioni consigliando le opzioni migliori per ogni situazione. Se sei un professionista certificato ITIL Expert o hai raggiunto 17 crediti nella versione 3 e vuoi passare alla versione 4 del framework puoi leggere il nostro articolo dedicato al modulo ITIL Managing Professional Transition. Per qualsiasi dubbio o chiarimento contatta il nostro team al numero di telefono +39 031 8110714 o scrivi a italy@qrpinternational.com per saperne di più sulle nostre formazioni in aula, virtual e aziendali! Organizziamo corsi dedicati per aziende, scopri di più!
Continua a leggere
Data : 22/01/2021

Prepararsi per l’esame PMP® non è facile: non solo richiede impegno e dedizione, ma è anche importante saper scegliere il giusto ente di formazione.

L’ente di formazione ti preparerà per l’esame e ti permetterà di portare correttamente a termine l’iscrizione all’esame. Infatti, per poterti iscrivere all’esame PMP, devi poter dimostrare di aver svolto un corso di 35 ore in Project Management.

Authorized Training Partner - ATP PMI PMP

Perché scegliere QRP?

QRP è Authorized Training Partner (ATP) del PMI. Per mantenere questo accreditamento, dobbiamo continuamente rispettare elevati standard di qualità ed efficienza. In quanto ATP abbiamo completato il programma Train the Trainer - PMP Exam Prep® del PMI e per i corsi di formazione utilizziamo contenuti e materiale sviluppato dal PMI.

Solo affidandoti ad un ATP sei sicuro di ricevere un corso di formazione:

  • da un’organizzazione di cui ti puoi fidare
  • con materiale didattico di alta qualità sviluppato direttamente dal PMI
  • da trainer approvati e certificati dal PMI

Cosa aspettarti da noi:

  • Formazione di qualità
  • Contenuti sviluppati dal Project Management Professional (PMP)®
  • Strumenti di apprendimento online, ad esempio quiz, controllo dell’apprendimento e video
  • Trainer in possesso di un badge che dimostra il loro accreditamento con il PMI
  • Supporto nella compilazione dell’application form del PMI® per l’iscrizione all’esame.

Non sei ancora convinto/a?

  • In qualità di ATP, QRP garantisce che tutti per tutti i corsi PMP erogati i 35 PDU necessari per accedere all’esame verranno automaticamente approvati dal PMI®.
  • Qualsiasi richiesta di PDU avanzata per un corso erogato da QRP sarà automaticamente accettata dal PMI.
  • Offriamo corsi a calendario e corsi dedicati per le aziende.
  • QRP ha 20 anni di esperienza nella formazione in Project Management in tutto il mondo.

I nostri trainer sono accuratamente selezionati dal nostro network di specialisti. Molti trainer sono accreditati in più Best Practice.

QRP offre corsi a calendario e corsi dedicati per le aziende. Visita la pagina sul nostro sito dedicata al corso di preparazione all’esame PMP per scoprire tutti i dettagli! Chiamaci allo 031 8110714 o scrivici a italy@qrpinternational.com per maggiori informazioni!

Continua a leggere
Data : 12/01/2021

Dal 2 gennaio 2021 tutti i candidati alla certificazione PMP dovranno sostenere una nuova tipologia d’esame.

Perché questo cambiamento?

Ogni 4/5 anni il PMI conduce un'indagine al fine di incontrare i professionisti del settore e capire quali sono le loro esigenze, le conoscenze necessarie, le competenze richieste, i compiti quotidiani per un project manager. Tale indagine consente di realizzare uno studio di mercato a livello mondiale a partire dal quale il PMI aggiorna la sua certificazione affinché l’esame possa corrispondere al meglio agli effettivi bisogni dei professionisti.

L’indagine ha permesso di identificare le evoluzioni e le tendenze del mercato. La versione numero 7 del PMBOK (che verrà pubblicata nel corso dell’anno) e il nuovo esame riflettono la realtà del mondo del lavoro e tengono conto del fatto che oggigiorno i Project Manager professionisti lavorano in ambienti diversi e utilizzano diversi tipi di approccio.

Il PMI ha fatto riferimento al nuovo esame all’interno del documento “the PMP examination content outline” (Project Management Professional (PMP)® Descrizione schematica dei contenuti dell'esame).

I 3 nuovi domini

I tre nuovi domini su cui si concentrerà l’esame sono allineati al Talent Triangle teorizzato dal PMI nella sesta edizione del PMBOK:

Talent triangle PMP PMI Nella seguente tabella sono illustrate le percentuale di domande per ogni dominio: Domain area PMI

Circa la metà dell’esame è costituita da un’attività di Project Management predittivo mentre l’altra metà è formata da approcci Agile o ibridi. Questi approcci non sono isolati all’interno di un unico ambito o legati ad un compito in particolare, ma si ritrovano nei tre domini sopra citati.

Come prepararsi all’esame?

  • Letture

Il PMI mette a disposizione una lista di documenti e testi suggeriti per aiutarti nella preparazione.

  • Materiale di formazione (incluso nel costo di formazione)

Il PMI propone un kit di formazione ufficiale, chiamato “PMI CHOICE”, basato sul nuovo esame. Il kit comprende una versione digitale di supporto al corso di preparazione per la certificazione PMP® che può essere scaricato in PDF o consultato online da PC e dispositivi sia iOS che Android oltre a numerosi video della durata dai 3 ai 6 minuti che ti possono aiutare nell’apprendimento. Sono inoltre forniti alcuni strumenti supplementari come la TO-DO-LIST, necessaria per tutti i Project Manager, diverse simulazioni d’esame per l’autovalutazione e un gioco composto da 200 domande tratte dal nuovo esame 2021.

Formatori ATP

Il PMI raccomanda di rivolgersi solo a formatori certificati. Per ottenere la qualifica di formatore accreditato dal PMI è necessario:

  • Avere una certificazione PMP® in corso di validità;
  • Avere esperienza significativa nell’ambito Agile;
  • Avere seguito una formazione “train the trainer” del PMI;
  • Avere superato l’esame da istruttore (per ottenere il badge);
  • Essere collegato ad un ATP (Authorized Training Partner) come QRP.

Che cos’è un ATP?

Corso pmp online esame pmi Un ATP (Authorized Training Provider) è un organismo di formazione accreditato dal PMI per erogare formazione in preparazione all’esame di certificazione PMP®. Seguire un corso di formazione erogato da un ATP ti garantisce una formazione ufficiale, materiale ufficiale del corso a supporto (forniti dal PMI stesso) e un formatore accreditato e certificato in possesso di un badge in corso di validità.

Solo i corsi erogati da ATP ti garantiscono automaticamente la validazione delle 35 ore di formazione necessarie per poter finalizzare l’iscrizione all’esame PMP®.

QRP International può organizzare corsi di preparazione alla certificazione PMP in quanto Accredited Training Provider (ATP). Siamo accreditati da PMI e possiamo fornirti la formazione necessaria ad ottenere il certificato PMP. Consulta il nostro calendario per scoprire le date dei prossimi corsi di formazione!

Continua a leggere
Data : 15/12/2020
Con il 2021 alle porte e un anno difficile che si sta concludendo, rivediamo insieme i 10 blog post che più di tutti possono aiutarvi ad iniziare il nuovo anno con la marcia giusta. Una top ten che raccoglie consigli, idee, spunti e molto altro che speriamo possano darvi la giusta motivazione per affrontare nuove avventure professionali e personali: 1. Principi PRINCE2®: come applicarli ai progetti virtual? 2. Perché il PMO è fondamentale per il business e l’impatto della pandemia Covid-19 sui progetti – intervista a Marisa Silva 3. Organizational Change Management: fattore chiave in una trasformazione digitale con ITIL 4 4. I fattori motivazionali di Dan Pink: come favorire la partecipazione al cambiamento 5. Blueprint: cos’è e perché è importante per realizzare un programma di successo 6. Perché le certificazioni IT sono importanti, specialmente per DevOps 7. Women by PMI – Intervista a Olivia Le Jeune 8. Professionisti DevOps sempre più richiesti: quali le competenze indispensabili? 9. Come scrivere una User Story 10. Come mettere in pratica Scrum a distanza – Intervista a Damien Galzi Ogni settimana troverete nuovi post sulla nostra pagina LinkedIn, ma in QRP siamo sempre pronti ad accogliere i vostri consigli e le vostre idee: non esitate a scriverci per proporre dei contenuti di cui vorreste leggere o approfondire e per qualsiasi dubbio o domanda. Potete contattarci mandando una mail a: italy@qrpinternational.com. Buone feste a tutti!
Continua a leggere
Data : 13/10/2020
Hai ottenuto una certificazione o stai pensando di ottenerne una? Una certificazione documenta le tue competenze e conoscenze specifiche che puoi utilizzare nello svolgimento della tua professione; per questo è importante, dopo averla conseguita, condividerla nel modo giusto, sul tuo CV e sul tuo profilo LinkedIn. Le certificazioni possono essere utili per far risaltare la tua candidatura durante il processo di recruiting o per avere più prospettive di crescita all’interno della tua azienda. Che tu abbia una lunga carriera, diversi diplomi o master o una formazione professionale che ti ha portato ad ottenere certificazioni professionali, ci sono molti modi per includere le certificazioni sul tuo CV per renderlo ancora più interessante e completo. Le certificazioni professionali dimostrano la tua passione, un particolare interesse per il tuo settore o professione e sono prova di specifiche competenze e capacità. Come primo passo, devi valutare le tue diverse certificazioni e decidere per ogni certificato se è pertinente e abbastanza rilevante da essere incluso nel tuo CV per una particolare posizione (in caso di ricerca lavoro). Ovviamente, se nell'annuncio è scritto esplicitamente che l'azienda sta cercando un profilo che abbia ottenuto tali certificazioni e il selezionatore non trova queste certificazioni essenziali per il lavoro sul tuo CV, rischi automaticamente di ricevere un no. Da qui l'importanza di mettere in risalto le proprie certificazioni professionali. Qualsiasi certificazione può migliorare il tuo CV e fare la differenza. Tuttavia, ci sono regole per evidenziare le tue certificazioni nel tuo CV. Dove mettere le mie certificazioni sul CV? 

Puoi inserirle in quattro posizioni:

  1. Dopo il tuo nome
  2. In alto nella tua presentazione/sommario del CV
  3. In un'apposita sezione certificazione
  4. Nella sezione Esperienza Professionale
Quali informazioni inserire? La certificazione è un documento che prova che hai acquisito una competenza specifica e attraverso un ente di formazione accreditato. Quando aggiungi una certificazione al tuo CV, ricordati di specificare:
  • Nome della certificazione
  • Nome del centro o ente di certificazione
  • Data in cui l’hai ottenuta
NB: Non dimenticare che le certificazioni valide vengono rilasciate solo da enti accreditati. Come inserire una certificazione in corso sul CV: Puoi includere una certificazione in fase di acquisizione nel tuo CV, se indispensabile per il lavoro desiderato, aggiungendo le parole "in progress", alla descrizione e specificando la data di completamento pianificata. Posso includere una certificazione scaduta in un CV? Non è accettabile elencare certificazioni vecchie o scadute su un CV. Se sei in possesso di una certificazione con una possibile data di scadenza, è essenziale rinnovare la certificazione prima di tale data per includerla nel tuo CV. Infine, è molto importante non includere certificazioni che non si possiedono; mentire su un CV è fortemente sconsigliato! Come posso aggiungere la mia certificazione al mio profilo Linkedin? È possibile aggiungere la propria certificazione al proprio profilo Linkedin. In effetti, le certificazioni sono un ottimo modo per mostrare le tue conoscenze e i tuoi risultati professionali anche sul tuo profilo LinkedIn. Ecco il link per sapere come fare: https://www.linkedin.com/help/linkedin/answer/45256 Hai ottenuto una certificazione con QRP? Condividi il tuo badge o certificato! Per saperne di più segui la nostra pagina QRP International Italia o scrivici a italy@qrpinternational.com!
Continua a leggere

Prossimi Eventi

Scopri tutti gli eventi

Abbiamo aiutato migliaia di professionisti a migliorare le loro competenze. Possiamo aiutare anche te.

Iscriviti alla nostra newsletter e scegli i contenuti che vuoi ricevere: Project Management, IT Service Management o entrambi! Riceverai una volta al mese offerte speciali, articoli gratuiti, white paper, inviti a webinar ed eventi. No spam, solo consigli da professionisti del nostro team.

Go to Top