Metodologia Scrum e rugby

Data : 17/01/2022| Categoria: Agile| Tags:

Le metodologie e le best practice in generale possono essere collegate al mondo dello sport. In questo articolo capiremo come le pratiche Scrum possano essere trovate e rintracciate nel rugby.

Scrum e rugby: la relazione

Il termine Scrum nasce proprio dal rugby ed è la traduzione in inglese di quello che noi chiamiamo “mischia”. Tuttavia, la connessione tra la metodologia Scrum e il rugby sono ben più profonde ed alcuni elementi del framework stesso derivano da questo sport.

La connessione tra la metodologia Scrum e il rugby risale al 1986, quando i professori Takeuchi e Nonaka pubblicano all’interno dell’Harvard Business Review il loro studio dal titolo The New, New Product Development Game in cui mettono a confronto due approcci allo sviluppo di prodotto:

  1. Un approccio datato e meno efficace in cui ogni membro del team era specializzato e il lavoro progrediva in sequenza, paragonabile ad una staffetta.
  2. Un nuovo approccio “rugby-style” più efficace in cui una squadra è formata da professionisti con competenze trasversali e ruoli autogestiti che lavorano in sinergia per sviluppare un prodotto.

Questo nuovo approccio che promuove flessibilità e creatività risulta molto più efficace e permette di creare nuove linee di prodotti migliori in qualità e quantità.

Ovviamente, l’approccio “rugby-style” non è stato implementato senza difficoltà: passare da un’organizzazione basata sul controllo e sulla predittività ad una basata sul rafforzamento del gruppo di lavoro e la mancanza di una pianificazione frontale rigida è stato molto difficile in alcuni casi.

L’approccio di Takeuchi e Nonaka ha sicuramente influenzato Jeff Sutherland, uno degli autori della Scrum Guide, che ha particolarmente apprezzato le metafore sportive legate ai due approcci.

Bisogna però tenere a mente che Scrum non è il “far west del coding” dove tutti fanno quello che vogliono senza doveri o responsabilità. Scrum è piuttosto basata su disciplina, impegno e capacità di adattarsi: proprio come una buona squadra di rugby, una squadra Scrum di successo utilizza queste tecniche per consegnare prodotti di qualità.

Scrum & lavoro di squadra

Una delle regole fondamentali del rugby, che più lo distingue da altri sport, è quella per cui al fine di avanzare verso la meta la palla deve sempre essere passata in retropassaggio: l’ovale non può mai essere passato in avanti.

Per questo motivo, il gameplay stesso del rugby impone un forte lavoro di squadra che richiede a tutti i giocatori di lavorare in modo coordinato. Per quanto veloce, forte e bravo nelle strategie di gioco, nel rugby nessun giocatore può segnare senza che ci sia un lavoro di squadra.

E così funziona anche un team di lavoro che applica la metodologia Scrum: il lavoro deve essere organizzato in modo tale da poter essere facilmente passato da una persona all’altra senza spazi per una “superstar” che voglia lavorare da sola senza dare o ricevere input dal team.

Per questo motivo i daily scrum sono estremamente importanti: permettono a tutto il team di essere allineato e aggiornato sulle attività così da poter coordinare il lavoro, individuare possibili minacce o ostacoli e pianificare la giornata.

Un team, molte competenze

Una squadra di rugby è composta da 15 giocatori ed ogni posizione di gioco richiede sia caratteristiche che competenze e forme fisiche differenti. A differenza di altri sport in cui la fisicità e le competenze sono abbastanza standardizzate, le squadre di rugby hanno bisogno di essere estremamente eterogenee con giocatori alti, bassi, lenti ma forti, veloci, con capacità di lancio con le mani o con i piedi, …. Nel rugby, una squadra così composta risulta molto più forte e vincente rispetto ad una squadra in cui tutti i giocatori raggiungono le stesse prestazioni.

I team Scrum applicano lo stesso principio: sono infatti gruppi cross-funzionali con ruoli autogestiti, ovvero, sono i membri stessi del team a decidere come suddividere e approcciare il lavoro. È il team stesso a decidere come affrontare i diversi task senza dover affrontare le sfide secondo un’organizzazione calata dall’alto.

Sia nel rugby che in Scrum ogni giocatore ha delle competenze specifiche che danno valore aggiunto al team.

Adattabilità e flessibilità

Il rugby non si basa su schemi rigidi e predefiniti: spesso le squadre hanno una strategia che però adattano al momento e alla tipologia di partita, e non viceversa. Il gioco si modifica di momento in momento in base all’evolversi delle azioni e la vittoria di una squadra sull’altra dipende dalla capacità di giudizio e di adattamento.

Allo stesso modo, i team Scrum non si basano su Project Plan rigidi ed elaborati ma iniziano a lavorare sulla base di alcune informazioni di base fornite dal Product Owner, il quale insieme a tutti gli stakeholder si occupa di definire il Product Backlog, una lista di requisiti necessari sottoposta a continue revisioni. Il Team Scrum sa che ad ogni sprint il Product Backlog subirà delle modifiche e proprio per questo rimane flessibile ed adattabile.

È il Team Scrum che si adatta ai cambiamenti che sopraggiungono per raggiungere con successo la fine del progetto.

Per approfondire leggi anche:

Scrum e rugby: conclusioni

Le somiglianze e i collegamenti tra Scrum e rugby sono molti: le competenze vengono usate in modo efficace e flessibile, le azioni sono organizzate in modo dinamico e più il team è in grado di adattarsi alle situazioni, più risulta vincente e competitivo. Come il rugby, anche il lavoro in ambito Scrum può essere adattato a tattiche che facciano risaltare le competenze dei singoli membri ma sempre all’interno di un lavoro di squadra.

Se vuoi leggere altri articoli a tema sportivo consulta anche:

Vuoi approfondire questi concetti ed imparare ad utilizzare il framework Scrum in tutto il suo potenziale? QRP International organizza corsi Scrum Master e Scrum Product Owner Certified. Visita il sito o scrivici per tutte le informazioni!

Condividi l'articolo, scegli la piattaforma!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di QRP International per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.

QRP International userà le informazioni che scriverai nel form per restare in contatto con te. Vorremmo continuare ad aggiornarti con le nostre ultime news e con contenuti esclusivi pensati per supportarti nel tuo ruolo. Scegli una (o entrambe!) le seguenti tematiche:

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando il link "unsubscribe" dal footer di una delle email che riceverai da noi o scrivendoci a marketing@qrpinternational.com. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle nostre privacy policy puoi visitare il nostro sito web. Cliccando in basso, accetti che potremo utilizzare le tue informazioni in conformità con questi Termini & Condizioni.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.