Come l’overthinking può rovinare le tue relazioni professionali

Data : 08/11/2022| Categoria: Glossario Best Practices|

 

Molti di noi a volte sono sopraffatti da ansie, pensieri o sentimenti che sfuggono al nostro controllo, prosciugando le nostre emozioni e la nostra energia. Soffriamo quindi di overthinking: serie di preoccupazioni ed emozioni negative che minano la nostra vita quotidiana, il nostro benessere e possono persino rovinare la nostra carriera.

Prima di tutto, vale la pena ricordare cos’è il pensiero eccessivo o la rimuginazione mentale, le diverse tipologie, come riconoscere questo fenomeno, le sue cause e come uscirne.

Cos’è l’overthinking? Definizione

La parola Overthinking significa letteralmente “pensare troppo”, intesa nell’articolo come propensione a rielaborare, in maniera ossessiva, un certo numero di pensieri o sentimenti negativi.

Nel corso della sua ricerca, la professoressa di psicologia e ricercatrice Susan Nolen-Hoeksema ha notato che il pensiero eccessivo colpisce le donne più degli uomini e che le donne sono capaci di rimuginare su qualsiasi cosa, dal loro aspetto alla loro famiglia, alla loro salute, alla loro carriera. Secondo lei, le donne hanno il doppio delle probabilità di soffrire di depressione e sembra che il pensiero eccessivo cronico sia una delle cause principali.

Le diverse tipologie di overthinking

Nel suo libro, la ricercatrice descrive 3 tipi di overthinking:

  • Pensiero eccessivo: si concentra sui torti di cui ti immagini di essere vittima
  • Pensiero autonomo eccessivo: cerchiamo le cause dei sentimenti che proviamo
  • Pensiero caotico: tutti i problemi invadono la mente allo stesso tempo

 

Pensiero eccessivo vs ansia

Sebbene spesso confuse, queste sindromi sono diverse. Possiamo ufficialmente definire l’ansia come segue:

“L’ansia è un’emozione spesso sentita come spiacevole che corrisponde all’attesa più o meno consapevole di un pericolo o di un problema a venire. L’ansia è un fenomeno normale, presente in tutti gli individui. Può però assumere un carattere eccessivo e patologico in diverse situazioni: in questo caso si parlerà di disturbi d’ansia.

I soggetti affetti da disturbi d’ansia sono invasi da questa sensazione di disagio o paura secondaria ad un’eccessiva anticipazione delle possibili difficoltà ancor prima che i problemi siano sorti, o anche prima che il soggetto abbia individuato con precisione ciò che teme”.

I pensatori eccessivi possono soffrire di disturbi d’ansia, ma la sindrome non si ferma qui poiché si concentrano anche su eventi del passato, azioni, situazioni che avrebbero voluto essere diverse e che rielaborano più e più volte.

Ad esempio, il tuo capo commenta il tuo lavoro e trascorri ore a chiederti cosa volesse dire, soffermandosi sulla tua colpa o vergogna, chiedendoti se ti disprezza, se sei in un vicolo cieco professionale.

Quali sono le cause del pensiero eccessivo?

Una delle spiegazioni del pensare troppo è biologica. La funzione e l’organizzazione del cervello facilitano la ruminazione mentale. Ma non è tutto, altri fattori entrano in gioco e i ricercatori sospettano che gli sconvolgimenti culturali della nostra storia abbiano un ruolo nello sviluppo di questa sindrome.

Dopo numerosi studi, conclude che questo fenomeno colpisce soprattutto le generazioni più giovani, che sembrano avere grandi difficoltà a superare gli ostacoli della vita; risultati confermati dal sondaggio condotto da Gerald Klerman e Myma Weissman della Columbia University.

Per una buona ragione, troviamo:

  • Mancanza di valori: viviamo in un’epoca in cui la messa in discussione delle norme sociali è al culmine. La nozione di successo è sempre più fluttuante e la società ci blocca nell’idea che non abbiamo mai abbastanza successo.
  • Ossessione per “tutto e subito!”: sempre alla ricerca di giustizia e ricompensa, tendiamo a lasciarci sopraffare dalla rabbia, dall’ansia e dal nostro bisogno di riconoscimento quando non otteniamo ciò che vogliamo.
  • Il bisogno compulsivo della soluzione rapida: siamo costantemente alla ricerca di soluzioni rapide ai nostri problemi, che possono fornire qualche soddisfazione nel momento presente ma non risolvono la radice del problema.

Quali sono le conseguenze dell’overthinking?

Il pericolo di pensare troppo o di rimuginare mentalmente è spesso quello di creare problemi che non esistono, di inventare spiegazioni sempre più drammatiche e di tendere a trarre conclusioni senza tener conto dell’altro lato della storia. A lungo termine, pensare troppo può avere conseguenze drammatiche sulla qualità della vita, come ad esempio:

  • aumento dello stress, riduzione della reattività e del processo decisionale
  • deterioramento dei rapporti con gli altri
  • il contributo a disturbi comportamentali o mentali come depressione, alcolismo

Pensi troppo nella tua vita professionale?

L’ambiente professionale favorisce il pensiero eccessivo. È un ambiente in cui vogliamo eccellere, in cui veniamo spesso giudicati, in cui dobbiamo metterci alla prova, raggiungere obiettivi e interagire con molti stakeholder. Come tutti i dipendenti, abbiamo bisogno di riconoscimento e riconoscimento del valore del nostro lavoro e delle nostre competenze. Insomma, il terreno perfetto per rimuginare..

Ecco alcuni esempi di situazioni di pensiero eccessivo che possono danneggiare le tue relazioni professionali:

  • Hai commesso un piccolo errore durante la tua ultima presentazione, che non è passato inosservato ai tuoi colleghi. Rivivi costantemente questo momento imbarazzante e ripercorri il tutto nella tua testa. A seconda del tuo tipo di pensiero eccessivo, le tue reazioni potrebbero essere diverse; “Perché ho sbagliato? Come ho potuto perdere questo dettaglio ovvio? Cosa penseranno di me i miei colleghi? Il manager mi escluderà dal progetto?”

L’ossessione per gli errori del passato può limitare il tuo potenziale sul lavoro e ferire la tua autostima, quando spesso gli altri vanno avanti rapidamente e probabilmente sei l’unico che li ricorda.

  • Prendiamo l’esempio del tuo manager che ti ha fatto un appunto sul tuo lavoro. “Perché l’ha detto? Non è giusto, non merito questa riflessione. Perché mi sta cercando? Rescinderà il mio contratto alla fine del mio periodo di prova? Perché non ho risposto?”

Essere ossessionati da ciò che il tuo capo o i tuoi colleghi pensano di te è piuttosto malsano. Tutti vogliono essere ben considerati sul lavoro, quindi è naturale desiderare un buon rapporto di lavoro, tuttavia, se diventa un’ossessione, c’è il rischio che possa degenerare e finire male. Troppe rimuginazioni finiscono per interpretare male, fare supposizioni errate, cercare risposte a problemi che non esistono e questo porta a malintesi, a tensioni sempre crescenti o addirittura all’odio verso gli altri. È bene ricordare che le persone spesso sono solo occupate o concentrate sui propri compiti al lavoro, il che può farle sembrare sfacciate o ostili, ma la maggior parte delle volte è improbabile che abbiano qualcosa a che fare con te personalmente. Cerca di non lasciare che i commenti o il comportamento di altre persone influenzino negativamente te o le tue relazioni. E se ritieni che le tue domande siano fondate, prova a metterti nei panni dell’altro, a capirlo o semplicemente a parlare direttamente con l’interessato per avere il suo punto di vista, capirne le parole o il comportamento.

  • Ti poni spesso 50.000 domande per raggiungere la perfezione?

Il perfezionismo non è sempre una brutta cosa in quanto è ovviamente importante mirare a fare il miglior lavoro possibile in qualsiasi attività o progetto, ma molte volte sprechi solo molta energia. La perfezione non esiste, inoltre è molto soggettiva da persona a persona. Quindi potresti anche impostare e dare priorità ai requisiti a monte e chiedere un feedback al tuo interlocutore piuttosto che rimuginare.

Queste situazioni non sono esaustive ma molto spesso, indipendentemente dalla situazione, chi pensa troppo tende o ad entrare in un’ansia estrema che può portare al burnout o alla depressione, oppure a svalutarsi e demotivarsi o a rifugiarsi nelle soluzioni facili, ovvero a cambiare lavoro o datore di lavoro pensando di trovare una situazione migliore senza interrogarci sulle vere ragioni dei nostri problemi. Ovviamente questo non risolve nulla, anzi, tanto vale imparare a non pensare troppo.

Come sfuggire al pensiero eccessivo?

I seguenti consigli si applicano sia alla tua vita privata che professionale.

  • Allenta il cappio dei pensieri che ti soffocano
  • Riconosci e ammetti che pensare troppo ti fa male
  • Prenditi del tempo per te stesso e trova distrazioni positive o attività fisica da fare non appena entri nel loop mentale
  • inizia a meditare
  • Pianifica i tempi di pensiero eccessivo mentale da tale ora a tale ora se proprio non puoi farne a meno, ma almeno saranno controllati
  • Parlare dei tuoi problemi con amici/colleghi “positivi” o scriverli in un diario/intimo, per esempio
  • Limita le aspettative e fissa obiettivi “intelligenti”
  • Impara a perdonare, sia agli altri che a te stesso
  • Vivi il massimo delle emozioni positive
  • Lavora sull’immagine di te stesso/a

 

Leggi anche:

Come l’efficacia del Change Management organizzativo può influire sui dipendenti

Change management e yoga: l’arte di accettare il cambiamento

Condividi l'articolo, scegli la piattaforma!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di QRP International per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.

QRP International userà le informazioni che scriverai nel form per restare in contatto con te. Vorremmo continuare ad aggiornarti con le nostre ultime news e con contenuti esclusivi pensati per supportarti nel tuo ruolo. Scegli una (o entrambe!) le seguenti tematiche:

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando il link "unsubscribe" dal footer di una delle email che riceverai da noi o scrivendoci a marketing@qrpinternational.com. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle nostre privacy policy puoi visitare il nostro sito web. Cliccando in basso, accetti che potremo utilizzare le tue informazioni in conformità con questi Termini & Condizioni.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.