Sfide ed opportunità del mondo IT: intervista a Michele Amori

Data : 21/05/2019| Categoria: Consigli ed interviste| Tags:

1. Qual è il suo ruolo in azienda?

CIO (Responsabile IT)

2. Di cosa si occupa?

Sicurezza, reti, infrastrutture hardware, sviluppo software, budgeting, contrattualistica, gestione fornitori IT.

3. Come mai ha deciso di intraprendere la carriera nel mondo IT?

Ho avuto l’illuminazione all’Università, quando ho capito che potevo “far succedere cose” anche senza l’uso della mia (scarsa) manualità. Una volta finiti gli studi ho iniziato la mia carriera come programmatore, dopodiché ho seguito quella che definisco un po’ un’evoluzione naturale nel nostro ambito: da programmatore sono diventato analista e con l’aumentare della seniority ho deciso di gestire persone che lavorano sul codice, diventando coordinatore (l’età avanza e la programmazione è dedicata a chi è giovane a chi ha una mentalità moderna!).

Dopo i 40 anni di solito si vogliono più responsabilità: io ho iniziato come project manager, mi sono trovato particolarmente bene e quindi ho iniziato a coordinare dei project manager. Infine, poco più di 3 anni fa, è andata via la responsabile IT e la mia azienda mi ha proposto di prendere il suo posto. La sfida era grande: da coordinare project manager a diventare responsabile IT c’è un abisso. Però ho deciso di accettarla, perché amo le sfide.

4. Qual è secondo lei la più grande sfida nella community IT al momento?

Sicuramente l’intelligenza artificiale e il machine learning. Vedo un futuro nel quale gran parte del lavoro informatico lo faranno le macchine – l’informatica passerà dal richiedere tanti programmatori a richiedere ricercatori, pensatori ed analisti che governino gli algoritmi. La sfida è quindi quella di assumere persone che possano guidare algoritmi.

Un’altra sfida è quella del cloud. Escludendo una percentuale di organizzazioni che hanno bisogno di parti di produzione in loco, come nel caso della mia azienda (che ha bisogno della sala server locale in quanto ha un impianto di produzione con delle macchine governate da un software), prevedo che i cloud saranno gli accentratori dell’80% dei server mondiali. Una grossa fetta dell’informatica migrerà totalmente su cloud e la sfida del mondo IT è quella di rendere sicuri e accessibili in tempo reale tutti i tipi di cloud tra di loro.

5. Quali sono le tre cose che vorrebbe imparare nel futuro per continuare a crescere professionalmente?

IT Governance sicuramente, vorrei approfondire in particolare il framework Cobit.

Nell’ambito dell’IT Service Management vorrei continuare il percorso ITIL 4 appena intrapreso e vorrei approfondire anche il change management.

Infine in futuro esplorerò sicuramente la programmazione neurolinguistica (PNL). Ho un incarico dirigenziale quindi mi devo relazionare al meglio con i colleghi, convincerli, negoziare, utilizzando parole e gestualità giuste. E queste sono tutte qualità che aumentano con lo studio della PNL.

Michele Amori_intervista QRP International

Michele Amori

Michele Amori ha partecipato al corso ITIL 4 Foundation lo scorso aprile. Ha oltre 15 anni di esperienza nel mondo IT: web developer, project manager, SCRUM master e SCRUM of SCRUMS. Da ottobre 2015 è CIO di PhotoSì, azienda italiana leader nel mercato della stampa fotografica.

Michele Amori su LinkedIn

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di QRP International per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.

QRP International userà le informazioni che scriverai nel form per restare in contatto con te. Vorremmo continuare ad aggiornarti con le nostre ultime news e con contenuti esclusivi pensati per supportarti nel tuo ruolo. Scegli una (o entrambe!) le seguenti tematiche:

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando il link "unsubscribe" dal footer di una delle email che riceverai da noi o scrivendoci a marketing@qrpinternational.com. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle nostre privacy policy puoi visitare il nostro sito web. Cliccando in basso, accetti che potremo utilizzare le tue informazioni in conformità con questi Termini & Condizioni.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.