PMBoK 7: L’alba di una nuova era

Data : 06/04/2021| Categoria: Consigli ed interviste| Tags:

Come molti di voi ormai sapranno, quest’anno uscirà la nuova edizione del PMBoK. E sì, come molti di voi anche io non vedo l’ora di averne una copia! Fortunatamente i membri del PMI potranno avere accesso gratuito alla versione elettronica via pmi.org.

Molti di voi si staranno chiedendo: “Perché dovrebbe cambiare? Dov’è il problema?” Rispondere a queste domande è importante per capire business e l’ambiente sociale in cui ci troviamo. Alcuni anni fa ho proposto una versione leggermente diversa del modello VUCA, nota come DACRI. Questo modello sottolinea che il mondo tende sempre più verso un paesaggio di project management più diversificato, ambiguo, complesso, in rapida evoluzione e interdipendente. La pandemia globale di COVID-19 ha poi accelerato questi fattori distruggendo il “normale” stile di lavoro provocando cambiamenti senza precedenti nei business e nella società.

Queste nuove sfide hanno catalizzato il bisogni delle organizzazioni di rendere le trasformazioni più agili e rapide su tutti i fronti. Una cosa è certa: molte forze ambientali sono in gioco per trasformare la nostra professione nel project management. Nel piano strategico del PMI vengono giustamente sottolineate le forze sottostanti che richiedono una continua evoluzione del project management per aiutare a “Dare potere alle persone di fare delle idee una realtà”, che è una delle essenze del project management:

PMBoK 7

https://www.pmi.org/about/leadership-governance/strategic-plan

“L’unica costante nella vita è il cambiamento”- Eraclito

Con il cambiamento ambientale, l’impatto su un progetto di lavoro è inevitabile. Secondo un report pubblicato da Accenture dal titolo Shaping the Agile Workforce, il 79% degli Executive concordano che il lavoro si sta spostando da ruoli a progetti. Questo fattore avrà sicuramente impatto sul nuovo PMBoK.

Il nuovo PMBoK – VII edizione

Probabilmente sai già che il nuovo PMBoK non seguirà le regole dei suoi predecessori ma sarà una sorta di ribelle. Ma in che senso? Ebbene, la trasformazione dalla sesta edizione alla settima implicherà alcuni elementi trasformativi. Molte persone stanno definendo questo passaggio “l’alba di una nuova era” nel project management. Ecco una panoramica di alcuni dei cambiamenti che sono riuscito ad intercettare:

PMBoK ® Guide Sixth EditionPMBoK ® Guide Seventh Edition
Approccio generale– Prescrittivo, non descrittivo

– Enfasi sul come, non sul cosa o perché

– Principi per guidare forma mentis, azioni e comportamenti riflessi su body of knowledge per delivery di progetto, agile, lean, struttura centrata sul cliente, ecc…
Basi per la progettazione– Processi specifici convertono input e output utilizzando tool e tecniche

– Focalizzazione sul processo e orientamento più guidato dalla conformità

– Domini di aree di attività interdipendenti e correlate, sia con risultati di performance che con una overview di strumenti, tecniche, artefatti e framework più usati.
Ambiente di progetto– Ambiente di progetto, interno ed esterno– Ambiente di progetto, interno ed esterno
Applicazione del progetto– La maggior parte dei progetti, la maggior parte del temp– Qualsiasi progetto
Target di riferimento– Principalmente project manager– Chiunque sia coinvolto in un progetto, con un’attenzione specifica ai membri e ai ruoli del team, inclusi il capo progetto, lo sponsor e il product owner
Livelli di cambiamento– Revisione incrementale sulla base delle edizioni precedenti– Revisione basata sui principi per riflettere l’intero scenario di consegna del valore
Guida alla personalizzazione– Riferimenti all’adattamento (tailoring), ma non una guida specifica di riferimento– Guida specifica all’adattamento

Quello che più mi affascina della trasformazione è il focus sugli outcome di progetto. Questo è in un certo senso nuovo perché il project management si è tradizionalmente sempre focalizzato sugli output. Focalizzarsi sugli outcome significa allontanarsi da un approccio di processo che può essere considerato il segno distintivo delle versioni precedenti del PMBoK e ne è stato il focus principale fin da quando ricordi di far parte del PMI.

I processi non saranno più parte del nucleo del PMBoK ma diventeranno parte degli standards + platform PMI. Non fraintendetemi: non sto dicendo che i processi non siano importanti. Un processo è un’attività, o una serie di attività, che converte un input in un output attraverso lo svolgimento di un lavoro. I processi esistono per aggiungere valore, per raggiungere e soddisfare le richieste dei clienti. Sono fondamentali per raggiungere gli outcomes desiderati. Tuttavia, quando i risultati sono in prima linea, costringono i PM ad avere già chiaro il punto di arrivo. Come disse uno dei miei guru di vita:

PMBoK settima edizione

In uno dei miei articoli precedenti (Golden Circle in Project Management), ho spiegato che in quanto Project Manager spesso cadiamo nella trappola di concentrarci troppo su output, risultati finali e processi. Questo perché la vera natura del nostro lavoro si concentra sull’aderire ad una metodologia. Ci focalizziamo sul “fare le cose giuste” attraverso un sottoinsieme di processi (il “COME”), pur ottenendo il risultato del piano (il “COSA”).
A questo proposito, mi piace come l’approccio del nuovo PMBoK aiuterà a reindirizzarci verso gli outcome (il “PERCHÉ”) del fare le cose. Aiuta a concentrarsi su outcomes vs output (e a portarli un gradino avanti verso i benefici). Il PMBoK sta spostando il punto focale dagli output agli outcome, per spiegare questo concetto, vorrei condividere con voi le definizioni, sebbene queste provengano da PRINCE2, che credo sottolineino questo concetto in modo più efficace.

Nuovo PMBoK

L’outcome thinking è orientato ai risultati. É un cambiamento comportamentale che a molti richiederà di pensare diversamente. Alcuni Project Manager, che hanno trovato la loro comodità nei processi, saranno spinti fuori dalla loro comfort zone per utilizzare giudizio ed esperienza per guidare l’outcome-thinking piuttosto che rifugiarsi all’interno di una metodologia. Enfatizzare gli outcome aiuterà a favorire una generazione di Project Manager con già chiaro il punto di arrivo piuttosto che il rispetto dei processi. Questo ci aiuterà a ri-pensare a come approcciamo il nostro lavoro.

Molti professionisti in project management hanno cercato comfort nella stabilità e certezza dei processi. Nel mondo del passato, gestire l’incertezza richiedeva una impostazione strutturata di prevedibilità incentrata sul processo. Questo non è più sufficiente, nel nostro mondo senza precedenti, dirompente e imprevedibile – abbiamo bisogno di sviluppare l’istinto per il project management. Il mondo in cui viviamo oggi è molto più complesso di quanto sia mai stato. Richiede di focalizzarsi sugli outcome e di adattare vari strumenti, tecniche e metodologie per raggiungere obiettivi strategici.

Nessuna metodologia è garanzia di successo – e non le è mai stata. Seguire dei processi non è mai stato sufficiente. Ecco perché quando parlo del nuovo PMBoK come un approccio un po’ rivoluzionario, è perché lo sarà – e io non vedo l’ora che arrivi questa nuova era. A molti di noi che sono stati educati con un approccio al processo richiederà di disimparare alcuni pensieri convenzionali. Ci richiederà di essere audaci e di osare nel deviare dal pensiero convenzionale. Non mi sono mai considerato un ribelle – ma per adattarmi alle nuove realtà di oggi e iniziare ad interiorizzare i metodi di lavoro della settima edizione del PMBoK, penso che dovrò mettere alla prova questo status quo e diventare un PM rebel.

In conclusione: Siate audaci – e abbiate il coraggio di cambiare per raggiungere il risultato!

Il prossimo capitolo di questo viaggio riguarderà lo sviluppo di competenze e le skill necessarie per supportare una mentalità orientata ai risultati. Questo è ciò che il PMI sta definendo “Power Skill”. Recentemente ho guardato un video su un evento del PMI Madrid Chapter, presentato da Ashwini Bakshi. È stato a dir poco di ispirazione ma quello che ha davvero catturato la mia attenzione è stata l’evoluzione del PMI Talent Triangle attraverso le cosiddette “Power Skill”. Queste competenze sono uniche e si concentrano meno sulle skill tecniche tradizionali di project management e comprendono tra l’altro:

  • Empatia
  • Leadership collaborativa
  • Creatività
  • Umiltà e autenticità

Questo è di grande ispirazione e, ancora, una deviazione dalla norma nelle competenze di project management.

kamil mroz

Kamil Mroz

Award winning Project Leader & Future50 Honoree

Kamil Mroz è profondamente coinvolto e appassionato nel contribuire alla comunità PM: prende regolarmente parte alle conferenze PM, contribuisce attivamente alle pubblicazioni e condivide con entusiasmo la sua esperienza con la prossima generazione di project manager.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di QRP International per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.

QRP International userà le informazioni che scriverai nel form per restare in contatto con te. Vorremmo continuare ad aggiornarti con le nostre ultime news e con contenuti esclusivi pensati per supportarti nel tuo ruolo. Scegli una (o entrambe!) le seguenti tematiche:

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando il link "unsubscribe" dal footer di una delle email che riceverai da noi o scrivendoci a marketing@qrpinternational.com. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle nostre privacy policy puoi visitare il nostro sito web. Cliccando in basso, accetti che potremo utilizzare le tue informazioni in conformità con questi Termini & Condizioni.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.